Brunelli Roberto

Personalmente non mi chiedo se un'opera assomiglia o meno a qualcosa che ho già visto, ma penso piuttosto a quanta carica emozionale riesce a contenere, se riesce a colloquiare con le mie paure o i miei desideri, se si accompagna alla vitalità dell'esperienza umana e, in ultima analisi, se è capace di attuare una resistenza che si opponga al progressivo svuotamento di tutto da parte dell'economia.
Gli anni Novanta sono l'inizio di questa storia.

Roberto Brunelli (alias investart)
Seguimi su:
http://www.finanzaonline.com/forum/investimenti-arte-e-collezionismo


(Tutti i libri da me pubblicati si fregiano della nota sigla NO EAP (no all'editoria a pagamento), una sigla che raggruppa le case editrici che pubblicano libri sostenendone interamente le spese di pubblicazione.)